Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/11144/3013
Title: Dialettica della sottrazione:Sines. Comporre gli opposti
Authors: Salmoiraghi, Bianca
Orientador: Mateus, Francisco Aires
Moreno, Joaquim
Keywords: scavare
vuoto
ambiguità
sintesi
Issue Date: 8-Mar-2017
Abstract: L’architettura scavata è letteralmente il risultato di un processo di sottrazione di materia, ma può essere anche intesa come l’esito di uno scavare messo in atto solo in quanto operazione concettuale. Per definizione massiva e pesante, l’architettura scavata contempla incredibilmente tra i suoi attributi principali la leggerezza, che si manifesta nella supremazia dello spazio vuoto sottratto rispetto al pieno. Questa prima intuizione di ambivalenza suggerisce il riferimento proprio all’idea di ambiguità come filo conduttore di un’indagine che consenta di schiudere i significati più autentici di tale atteggiamento progettuale. Il discorso prende l’avvio dalla considerazione dell’antefatto della caverna, luogo archetipico contemporaneamente partecipe dei significati simbolici dell’alto e del basso; prosegue, poi, nella riflessione sull’architettura scavata, espressione della stereotomia, nella quale l’uniformità materiale dello spazio è sottilmente negata dallo strutturarsi materico della luce e dell’aria; e termina, infine, nell’analisi di quell’architettura in cui gli scavi sono solo concettuali e rinsaldano il primato dell’interno, che però inevitabilmente si dispiega solo nel rapporto di opposizione con il limite che lo racchiude. Le contraddizioni si sublimano nella definizione dello spazio, che rappresenta un momento di sintesi. Parallelamente alla trattazione teorica si sviluppa il racconto di un progetto per la città di Sines: la volontà di collegarne le parti alta e bassa, separate da una falesia, porta alla composizione di un baluardo che si contrappone alla roccia, disegna una piazza alla quota elevata, e si conforma come una porta simbolica di accesso dal mare alla città e viceversa. I percorsi di collegamento verticale, insieme ad uno spazio per performance artistiche, sono scavati all’interno di tale volume.
URI: http://hdl.handle.net/11144/3013
Appears in Collections:DA - Dissertações de Mestrado

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
TESE BIANCA SALMOIRAGHI.pdf358.43 MBAdobe PDFView/Open


FacebookTwitterDeliciousLinkedInDiggGoogle BookmarksMySpace
Formato BibTex MendeleyEndnote Currículo DeGóis 

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.